Limonare

Baciarsi appassionatamente.
Deriv. da Limone;
dal Battaglia, riportando il Panzini: «"Limonare", verbo lombardo ora molto largamente diffuso "fare il cascamorto", "far l'asino" (toscano), "filare, filarino" (bolognese). I milanesi da "limonare", parafrasando il verbo dei venditori, dicono i "Cinq ghei due, i limonitt", cioè "cinque centesimi due limoni", quando vedono una coppia d’amanti».
Probabile allusione alla spremitura manuale di limoni.
Il termine può derivare da come nel medioevo quando uno si sentiva male leccava una scorza di limone; da qui è passato al significato di baciarsi con la lingua.
Dal forum dell'Accademia della Crusca: in dialetto mantovano il termine "limone" indicava un giovinetto in preda alle euforie corteggiatorie. Impossibile non sospettare una correlazione col verbo limonare.